Meteo: Serramanna | 31.39 °C

Vandalizzata l’ex Pretura di Serramanna

di admin Letto 3.386 volte2

Tra il 18 e il 19 ottobre 2015 l’ex sede della Pretura di Serramanna è stata presa di mira da un gruppo di vandali che, dopo essere entrato all’interno dello stabile, ha distrutto e rovinato parte del materiale e degli arredi presenti.

La Pretura non è più presente attivamente nei locali da ormai due anni: nel 2013, in nome della spending review, sono state chiuse 650 sedi su 850 operative in tutta Italia. La storica sede di via Matteotti, che ospitava l’ufficio del giudice di pace, è stata inserita dalla Giunta nell’elenco dei beni pubblici da alienare nel maggio 2015.

Inchiostro nei muri, pavimenti orinati, schede elettorali e timbri danneggiati, fotocopiatori e luci accese sono solo una piccola parte di quanto è stato fatto.

Le immagini a corredo di questo articolo non hanno bisogno di ulteriori commenti: la stupidità umana non ha proprio limite.

Commenta via Facebook

Commenti (2)

  1. Sarebbe bello vedere questo locale dato in gestione gratuita a tutte le società di Serramanna, atletica, calcio, basket, croce verde, frades, ass. volontariato, su stentu.

    Pullulerebbe certo di vita e gioia.

    Così ho questo stato, no di certo.

    Efisio Nocco

       15 Mi piace

  2. Come gli individui che hanno preso possesso dei locali della stazione ferroviaria, basta vedere in che condizioni l’anno ridotta!!
    Queste “persone” bivaccano tutte le sere, fine settimana compresi, lanciano sassi sui cartelli degli orari ferroviari, spaccano vetri, porte e distruggono tutto, usano il sottopassaggio per fare di ogni cosa, drogarsi, fare sesso, urinare, defecare, imbrattare, questo è agli occhi di tutti, Carabinieri, Poliziotti, Ferrovieri, Sindaco, Polizia Municipale, tutti, propio tutti.
    Noi cittadini, sopratutto quelli che abitiamo vicino alla stazione come me, dobbiamo stare in silenzio e non intervenire quando ci troviamo faccia faccia con questi delinquenti, durante i loro “raid”, per non subire soprusi, in quanto non c’è controllo, non c’è tutela…
    Nessuno fa cio che necessario per fermare questo scempio.
    Probabilmente non interessa a nessuno, questi ragazzi dopo aver distrutto la stazione, hanno la necessità di altri locali distruggere, da imbrattare… si sentono oramai impuniti…
    Se chi di dovere non la smettesse di rimpallare le responsabilità su altri il controllo, e la tutela dei “Biscinausu” tanto acclamati con targhe e feste…..
    Questi ragazzi sentendosi impuniti, continueranno a delinquere, in ogni luogo dove gli si presenta questa opportunità, grazie anche alla complicità di coloro che sono responsabili e che bene fregano del controllo del territorio e la tutela dei cittadini, scaricando le proprie responsabilità, ad altri…..

       8 Mi piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato