Meteo: Serramanna | 31.39 °C

Il Randagino

Riferimenti

Descrizione Attività

C’e’ un posto in Paradiso, chiamato “Ponte dell’Arcobaleno”. Quando muore una bestiola che è stata particolarmente cara a qualcuno, questa bestiola va al ponte dell’arcobaleno. Ci sono prati e colline per tutti i nostri amici tanto speciali così che possano correre e giocare insieme. C’è tanto cibo, acqua e sole ed essi sono al caldo e stanno bene.

Quelli che erano vecchi e malati sono forti e vigorosi. Quelli che erano feriti o storpi sono di nuovo integri e forti, come noi li ricordiamo nel sogno dei giorni e dei tempi passati. Sono felici e contenti, tranne che per una piccola cosa: ognuno di loro sente la mancanza di qualcuno molto amato, qualcuno che hanno dovuto lasciare indietro. Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi improvvisamente si ferma e guarda lontano, verso l’orizzonte. I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l’impazienza: tutto ad un tratto si stacca dal gruppo e comincia a correre, volando sul verde prato, sempre più veloce.

Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme, vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia, per non lasciarvi più. Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso; le tue mani accarezzeranno di nuovo l’amata testolina e fisserai ancora una volta i suoi fiduciosi occhi, per tanto tempo lontano dalla tua vita ma mai assente dal tuo cuore.

Allora attraverserete, insieme, il Ponte dell’Arcobaleno

L’Associazione

Dodici anni fa l’odissea dei cani accalappiati a Serramanna e spariti all’interno di un lontano canile, ha dato inizio all’avventura di un gruppo di volontari che negli anni si sono impegnati con sempre maggiore dedizione alla tutela degli animali, con l’obiettivo di migliorare la loro condizione di vittime dell’ignoranza, dell’insensibilità e della disorganizzazione umana.

Oggi, quello stesso gruppo è sostenuto da tanti simpatizzanti e da altri soci che nel tempo hanno contribuito a rendere sempre più efficace l’operato dell’Associazione Onlus Randagino, capeggiata dalla storica presidente Rosanna Spano.

La divulgazione di un corretto approccio con gli animali e di una conoscenza etologica più approfondita, rappresenta il primo obiettivo degli incontri cinofili presso le scuole e delle manifestazioni annuali organizzate nel territorio comunale.

Le numerose campagne di sterilizzazione attuate, hanno inciso fortemente nel contenimento del fenomeno del randagismo e nel cambio di mentalità dei proprietari di cani, specie in ambito agropastorale.

Il mantenimento, la cura e la socializzazione dei tanti cani salvati dalle strade o dagli evidenti maltrattamenti, costituisce la maggiore attività dei volontari, che converte la fatica, il tempo profuso e il necessario e conseguente carico economico, in gioia quotidiana che fortunatamente spesso si converte in felicissime e consapevoli adozioni.

L’Associazione Randagino è aperta ad ogni tipo di collaborazione che apporti un miglioramento nella funzionalità del rifugio e dell’assistenza agli oltre 70 cani di cui si prende cura ed è felice di accogliere a braccia aperte chi vuol donare beni di prima necessità (cibo, ciotole, cucce, antiparassitari, coperte ecc.), chi vuol contribuire alla raccolta fondi, chi ha del tempo da dedicare per dare supporto alle squadre che operano quotidianamente in rifugio o che prestano assistenza ai randagi, chi ha uno spazio per ospitare temporaneamente cani in terapia o in convalescenza, chi vuole fare un’adozione a distanza e, traguardo più desiderato, chi adotta un cane per la vita.

La nostra attività passa anche attraverso i Social network e un sito internet che a breve assumerà una nuova veste grafica e tanti miglioramenti,

Seguite i nostri passi!