Meteo: Serramanna | 20.13 °C

Festa dei Sessantenni

di admin Letto 9.868 volte1

di Augusto Picci

Il 23 ottobre prossimo si rinnoverà in Serramanna il rito annuale della festa dei sessantenni, quest’anno sarà il turno dei nati nel 1950 che fu anche l’anno santo in quanto pietra miliare del giubileo.

Colgo l’occasione per sfoderare una foto che custodisco gelosamente fra i ricordi, la prima elementare 1956-57 del maestro Angelo Casini con quasi quaranta frugoletti nati in quel 50 che non sono la totalità ma che rappresentano quasi certamente un buona fetta di tutto l’insieme, non ne ho la certezza e lascio un buon margine al dubbio ma nel mio certificato di nascita si dice che quell’atto sia il N°100 fino a quel momento, essendo nato il 30 luglio ne deduco che complessivamente saremmo stati circa 200 nell’intero arco dell’anno.

Prima Elementare 1956 1957 Serramanna
I fila dal basso: Mario Pilloni, Cicci Picci, Celestino Mannias, Gianfranco Batzella, Franco Chia, Gigi Puxeddu, Piero Carcangiu, Egidio Tanca, Gianni Cilloco, Antonello Conti, Enzo Littera, Cardia. II fila: Guria, Dino Caboni, Antonello Lasio, Gianni Paschina, Giulio Melis, Ildo Pisano, Maurizio Medda, Rino Locci, Mario Vargiu, Giulio Lasio. III fila: il Maestro Angelo Casini, della restante fila non ricordo il nome se non di chi sta in centro col grembiule nero, Lorenzo Serci. IV fila in alto: Antonio Atzori, Lucciano Sedda, Celestino Marongiu, Efisio Cossu, Di filippo, (n.r.), Sedda Lucciano (Spirritu) Franco pisanu, Serri, Antonio Vespucci.

 

Profittando dell’opportunità che mi si offre in questa pagina per rivolgere un pensiero a chi ha avuto meno fortuna e oggi non è più fra noi e per fare un grandissimo augurio a tutti coloro i quali con il duemiladieci superano la soglia dei sessanta per ripetere il brindisi nel 2050.

sessantenni serramanna

Commenta via Facebook

Commenti (1)

  1. Caro Augusto,ti ringrazio per la pubblicazione,devo dire che mi sento due volte fortunato,sia per essere arrivato in salute ai 60 sia perchè quelle foto le faccio ancora ,ma come Maestro tra marmocchi ai quali talvolta con lo spirito mi piace atteggiarmi.Ti abbraccio e arrivederci.

       0 Mi piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato