Meteo: Serramanna | 16.56 °C

Christiano Pahler: conosciamo il regista serramannese

di admin Letto 6.984 volte4

di Davide Batzella

Christiano Pahler è un talentuoso ragazzo serramannese, canta nei Vermentini Violenti e suona la batteria negli Effelle, gruppo che nel 2009 ha vinto il XIV Meeting della Marmilla.

Dopo i corti Hollwood Senza Zucchero nel 2001 e la La Vita In Diretta nel 2003, il suo primo lungometraggio è stato Macchie: è un film scritto, girato, montato e in parte recitato da lui. Prende ispirazione dai fumetti dell’Associazione Culturale Chine Vaganti di San Gavino, in cui ha profuso tutta la sua strepitosa esuberanza, il suo entusiasmo, il suo vigoroso talento.

Col suo bianco e nero, i suoi attori non professionisti, i suoi effetti speciali, Macchie racconta il dramma, il sorriso, la disperazione.

Il lungometraggio è stato presentato lo scorso 21 novembre, presso la sala convegni del CISA a Serramanna. Ecco il trailer:

Christiano è stato il regista del primo video ufficiale di Meets Vision Art, Jazz Clubbin’. Da Sardinia Innovation del 27 luglio 2010 si può leggere che “sigari, pipe, abiti scuri, macchine d’epoca, whisky, sax sono un vero e proprio spaccato della realtà dell’epoca. Il brano scelto per la realizzazione del video è “Jazz Clubbin”, brano estratto da “Portfolio”, primo album ufficiale del progetto “Meets Vision Art” distribuito in tutta la Sardegna e a breve a livello nazionale. La fitta sceneggiatura con trame intrecciate, curata da Andrea Pilloni, è stata proposta e in seguito approvata con entusiasmo dal regista Cristiano Pahler, già conosciuto nell’ambiente del cinema indipendente sardo in quanto realizzatore del lungometraggio “Macchie”, dal titolo dell’omonimo fumetto, in distribuzione in tutta la Sardegna in DVD.

Con la collaborazione di Pahler alla regia e grazie alla sua esperienza nel settore, si è riusciti a trasformare la sceneggiatura in un vero e proprio cortometraggio musicale caratterizzato da una grande cura per i dettagli, grazie anche alla preziosa collaborazione di uno staff tecnico d’eccellenza composto da Andrea Triverio (arredatore), Francesca Oggiano (truccatrice), Laura Marchiori(fotografa), e Nicola Baraglia (direttore del backstage video).

Da pochi giorni è disponibile anche l’intervista di MVAChannel, molto simpatica, dal titolo 3 Minuti con Christiano Pahler:

Concludiamo ora con l’intervista uscita ne Il Provinciale del 1 gennaio 2011, a cura di Paolo Casti:

Quindi oltre a dividerti tra due gruppi musicali, ti stai dedicando al cinema?
Il cinema fa parte di me fin dall’età di 4 anni; mi divertivo col videoregistratore a cancellare i film su VHS di mio padre e registrarci sopra tutto ciò che passavano in tv, facendo i miei primi montaggi in stile “Blob”, cercando di creare delle storie utilizzando  fotogrammi presi qua e là.

A 10 anni, ho ricevuto la mia prima telecamera e grazie all’aiuto dei miei insegnanti scolastici ho tenuto accesa la mia passione per i film. Anche se oggi lavoro con mezzi digitali, li utilizzo come fossero analogici; adoro la povertà dell’immagine in bianco e nero di un certo cinema indipendente degli anni ‘80-90 girato rigorosamente su supporti analogici, danno quel senso di sofferto nella realizzazione di un film.

Hai sempre avuto questa passione oppure è legata ad un particolare avvenimento?
Mentre tutti giocavano con le costruzioni, io facevo i miei primi montaggi “amatoriali”, per cercare di esprimermi col linguaggio visivo, quello che mi ha sempre affascinato. Forse questa mia passione è legata al fatto che, vedendo i film di Charlie Chaplin o altri grandi del cinema, mi son reso conto che continuavano a rivivere ogni volta che schiacciavo il tasto “Play” del videoregistratore. Per me è questa la vita eterna. Spero non si offendano i cattolici…

Quanto è difficile realizzare un corto? E che differenza c’è tra un corto e un film (oltre alla
lunghezza)?

Il cortometraggio non è mai stata una delle mie passioni, nonostante ne abbia girato due. Sono un amante dei film lunghi e noiosi… credo che nel cortometraggio manchino quegli intrecci che rendono affascinante la vita del personaggio e le situazioni paradossali che vive, proprio per i ridotti tempi di durata. Credo nell’evoluzione di un personaggio, nella storia che voglio fargli vivere con tutti i pro e i contro, con azioni e conseguenze non solo fisiche ma anche e soprattutto emotive e psicologiche.
L’idea di raccontare la storia di una persona, farla affezionare al pubblico, per poi, alla fine fargli capire che è LUI il “cattivo”, non può essere rappresentato in 10-20 minuti di film. Mi si rimprovera di impiegare troppo tempo nel realizzare un film. E’ vero. Sono una persona molto lenta e riflessiva. Un mio film ha bisogno di tempo, anche anni se è necessario. “Macchie”, ad esempio, è stato concepito, girato e montato in un anno e otto mesi.

Progetti per il futuro?
Sto per realizzare un nuovo film intitolato “Cronaca Nera“, tratto dall’omonimo libro di Marcello Lasio, che ne ha curato anche la sceneggiatura, dove la maggior parte degli attori proviene dal teatro. Nonostante sia il mio terzo lungometraggio, sarà il primo nel quale non metterò mano alla sceneggiatura.

Commenta via Facebook

Commenti (4)

  1. Ciao Christiano, Sono Gianfranco Mula.

    Bellissime le parole che hai speso per quat'intervista. Qualche cosa l'avevo già vista sul tuo canale youtube ( quando sei stato intervistato da una ragazza per un emittente ). Devi sapere che non sei l'unico ad essere lentissimo nel fare le cose, ho acquisito questa fama da oltre otto anni e più. Molte volte invidio Woody Allen e Tim Burton perché riescono a sfornare film quasi ogni anno…

    Volevo consigliarti due filmoni in B/N, ( credo che tu li abbia già visti ) " Quarto Potere " di Orson Welles, ,., e " Il settimo Sigillo " di Ingmar Bergman.

    Ultimamente, salvo qualche rara eccezione, manderei i registi odierni a ripetizione dai registi del passato e gli attori; dovrebbero frequentare meno i saloni di bellezza e studiare molto di più.

    Il vero effetto speciale non è dato dalle immagini in 3D, ma come riuscire a far immedesimare, e non interpretare, l'attore nei panni di quel personaggio….

    A prestisimo per le novità CAMPIONE!!. ^__^

       2 Mi piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato