Meteo: Serramanna | 6.69 °C

Ladri nella Chiesa di Sant’Ignazio: tre furti in tre settimane

di Davide Batzella Letto 7.456 volte16

Dei ladri sono entrati nella chiesa di Sant’Ignazio nella notte tra lunedì 8 e martedì 9 ottobre: è il terzo caso in tre settimane.

Sono state rubate delle casse acustiche ed è stata rimossa la spina dalla fronte della statua di Santa Rita, probabilmente credendo fosse d’oro (in realtà era legno colorato).

I ladri sono entrati dal vetro posto dietro il tabernacolo e a nulla è servito il sistema di allarme dato che i malintenzionati se la sono data a gambe levate in poco tempo.

E’ il terzo caso in tre settimane: sembra una ricorrenza volontaria, ogni notte tra lunedì e martedì i malviventi compiono qualche effrazione nella chiesa.

La settimana scorsa altri (o gli stessi?) erano entrati nella sagrestia e nello studio del parroco, sfondando la porta posteriore dell’edificio.

Il cambio di parroco

Il cambio di parroco è avvenuto recentemente: don Bruno Pittau è stato salutato con una festa molto partecipata, il nuovo parroco don Pietro risulta essere molto stimato e apprezzato ed è seguito da un folto numero di fedeli.

Numerosi sono stati i pellegrinaggi organizzati dal nuovo parroco e dai suoi collaboratori, l’oratorio “Beata Chiara Luce Badano” ha ripreso la sua attività ed è stato eletto il nuovo direttivo della Società di Sant’Ignazio. Inoltre è stata organizzata la consueta Festa dei Nonni, il simulacro di Santa Maria si è recato nella parrocchia e tramite don Giuseppe Spiga è stato organizzata una cena di beneficienza per la sua missione in Brasile. L’attività della comunità è ora documentata anche online tramite il sito www.santignaziodalaconi.it.

Ladri anche ad agosto

Ad agosto dei ladri avevano fatto irruzione persino nell’abitazione del parroco, come riportato anche da L’Unione Sarda:

Blitz dei ladri nella casa del parroco

“Ladri in casa del parroco di Sant’Ignazio. A Serramanna l’abitazione di don Pietro Mostallino è stata presa di mira dai malviventi. Il fatto risale a qualche giorno fa. Il riserbo che circonda il fatto, fa sì che non si conosca l’ammontare del bottino del furto avvenuto nella residenza del sacerdote, in via Pintor, a poca distanza dalla parrocchia. Nel quartiere di “Campu sa lua”, dove sorge la chiesa, è allarme per l’intraprendenza dei ladri che dopo quella del parroco potrebbero prendere di mira altre case”. (i.pil. 15/08/2012)

Non hanno, a quanto risulta, preso di mira altre case ma la sola chiesa.

E’ possibile che in un paese come Serramanna debbano accadere questi furti o tentativi di furto in un luogo di culto? Restiamo allibiti: la chiesa è stata presa di mira più volte nel giro di nemmeno un mese, forse da serramannesi stessi, chissà.

Risulta che le Forze dell’Ordine stiano lavorando per risalire all’identità dei ladri.

E’ grande il dispiacere per queste azioni deprecabili. Nell’esprimere la vicinanza alla comunità di Sant’Ignazio ci si augura che questi furti non avvengano mai più.

Commenta via Facebook

Commenti (16)

  1. luogo di culto o no…. non va bene!!!

       0 Mi piace

  2. Come abitante del rione Campu sa lua le notizie riguardanti i furti o i loro tentativi aventi per obiettivo la chiesa di Sant'Ignazio mi lasciano esterrefatto. Come ho avuto modo di dire nel passato al peggio non c'è limite.

       0 Mi piace

  3. infatti, non sl in chiesa…io per esempio ho subito due furti nel giro d un paio d mesi , mah! devo dire che mi sento molto sicura

       0 Mi piace

  4. non c'è più rispetto per nulla…che tristezza!!

       0 Mi piace

  5. nn è colpa nostra se gli sbirri nelle ore in cui dovrebbero esercitare x la sicurezza se ne stanno in ufficio a scaldare il culo! è inutile ke andate in chiesa la mattina quando è tutto tranquillo siete solo dei conigli!!

       0 Mi piace

  6. Io non li chiamerei ladri, ma colleghi. CHI RUBA DA UN LADRO,E'UN COLLEGA.

       0 Mi piace

  7. Chiesa o no cambia poco, ma di certo non è un bel segnale.
    Il problema sono le leggi: anche se venissero presi sarebbero di nuovo in grado di farlo nel giro di 24 ore. E questo per un pregiudicato fa la differenza: se sono già pregiudicato una denuncia in più o una in meno non mi cambia nulla, e dato che poi mi lasciano a piede libero posso fare di tutto con zero conseguenze.

       0 Mi piace

    1. Non posso che essere d'accordo con te. L'evoluzione del garantismo spregiudicato nei nostri tempi, ha fatto si che esistano dei diritti che neanche la visione più ottimistica del paradiso terrestre potrebbe immaginare. La conseguenza è che i balordi naturali delinquono e continueranno a farlo spostando l"asticella" delle loro malefatte sempre ad un livello più alto, poichè le pene sono ridicole se non proprio assenti, causa anche il problema di sovraffollamento delle carceri. E anche per chi non è un ladro di professione, tentare un furto diventa un rischio di poco conto: mi beccano?pazienza tempo 24/48 ore sono fuori e mi godo il frutto del mio delitto.
      Potrei capire solo un valido motivo di furto espresso in maniera limpida da una strofa di una delle mie canzoni preferite (di cui non sto a citare nè il titolo nè l'autore, che ormai "poveretto" fa moda),
      "ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame".
      Fame s'intenda! non, "mi servono i soldi per il cellulare da 400 euro, le scarpe fighe o la macchina nuova"!
      Per tutti questi proporrei un bel passo indietro nell'evoluzione dei dirirtti: taglio delle mani old style! vedrete che se dovesse tornargli la voglia di rubare, nel momento in cui avranno difficoltà a prendere il piede di porco con una sola mano, si ricorderanno il motivo! E poi due piccioni con una fava: anche le carceri vuote. D'altronde se il sistema carcerario ha il compito di rieducare e un delinquente è fuori dopo 24/48 ore, quel compito non potrà essere sicuramente espletato, a quel punto però "su scrammentu" sarà stato un ottimo deterrente.

         0 Mi piace

  8. La cosa più preoccupante è che non si fanno problemi a fare un furto con scasso per cose senza valore…

       0 Mi piace

  9. che vergogna per noi di serramanna perche' non mettere le telecamere

       0 Mi piace

  10. Per quanto abbia una concezione tutta mia della chiesa…rimango comunque del parere che è un azione ignobile questa…solo un infame puo fare qualcosa del genere…

       0 Mi piace

  11. scusate ma mettere i carabinieri davanti al portone no e

       0 Mi piace

  12. Ho cliccato '' mi piace '' ma non mi piace x niente ….

       0 Mi piace

  13. Penso che ormai non ci sia piu' rispetto per nulla e tantomeno per la chiesa !

       0 Mi piace

  14. scusate ma mettere i carabinieri davanti al portone no e

       0 Mi piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato