Meteo: Serramanna | 19.77 °C

Bujumannu feat. Quadio & Kenji – Believe Me, nuovo singolo

di admin Letto 2.961 volte2

Anni di esperienza alle spalle e una militanza in una delle più acclamate reggae band di Italia. Queste le credenziali di Bujumannu, la voce dei Train To Roots, gruppo sardo che costituisce una consolidata realtà del reggae europeo. L’artista ama ritagliarsi esperienze nelle quali veste i panni da solista. E’ successo ad esempio con brani quali “Fogu” o la recente “My Land Burning”, con quest’ultima impegnata a descrivere un macabro rito che ogni estate si compie in Sardegna, quello degli incendi. Oggi Bujumannu torna con “Believe Me”, singolo che vede anche la partecipazione di Quadio e di Kenji. Il primo è il singer dei Mamavibe, mentre il secondo proviene dalla Murda Sound Production.

Tre anime per un pezzo crossover, che permette a generi musicali diversi di incontrarsi e convivere in un inno potente e ricco di speranza. Bujumannu su una base che spazia dall’hip hop al dubstep, invita tutti noi a credere in noi stessi, così da ritrovare la voglia di essere protagonisti nel destino del mondo.

L’artista sardo si concentra ancora una volta sul mondo e sulla sua condizione, ne denuncia il decadimento senza sosta, grida con forza quali sono i mali che lo stanno uccidendo, in primis inquinamento e sfruttamento.

Mentre il beat di “Believe Me” diventa sempre più pressante, Bujumannu sviluppa le sue lyrics in inglese e italiano, accompagnato dall’incedere deciso di Quadio, che con fare tagliente mette in rime il decadimento del nostra paese, come quando dice “due minorenni, quattro piste e un po’ di fitness, giullari a corte e vecchi scheletri fascisti….”.

Bujumannu sottolinea come la musica possa essere un motore del cambiamento, a differenza invece di un media come la televisione, che le coscienze le addormenta.

“Believe Me”, uscito proprio nel giorno di Natale, è possibile scaricarlo gratuitamente e inoltre è anche accompagnato dal video ufficiale.

[Via]

Download

Commenta via Facebook

Commenti (2)

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato