Meteo: Serramanna | 23.63 °C

La nuova rivoluzione del traffico. Novità nelle vie Toscana, Trentino, Piemonte e Liguria prima dell’anno scolastico

di Davide Batzella Letto 1.578 volte0

Sottopassaggio ferrovia serramanna

Il sottopasso ferroviario, realizzato dall’impresa Adanti, che mette in collegamento il piazzale della stazione con la via Svezia, ha provocato il restringimento notevole della carreggiata e l’amministrazione comunale ha deciso di porre rimedio. In via Svezia, fino a qualche tempo fa larga e scorrevole, si è creata una strettoia e d’ora in avanti le auto potranno transitare solo a senso unico di marcia. La decisione è del sindaco Sergio Murgia che ha firmato l’ordinanza «che disciplina la circolazione». L’atto varato dal primo cittadino mira a decongestionare e mettere in sicurezza un punto nevralgico per la circolazione.

«Si tratta di un problema che è emerso dopo la realizzazione del sottopasso ferroviario: nel tratto interessato, in prossimità dell’imboccatura del tunnel, esisteva un divieto di transito che era praticamente ignorato. Ora speriamo che il senso unico possa dare risultati migliori», commenta Alberto Pilloni, consigliere comunale delegato alla Viabilità e al traffico. Senso unico nella via Svezia, nel tratto compreso tra via Ungheria e via Argentina, e senso unico nella stessa via Ungheria, nel tratto compreso via Svezia e via Francia: ecco le novità dell’ordinanza sindacale che anticipa, in un certo modo, alcune modifiche importanti al piano del traffico, e che stanno molto a cuore alla giunta serramannese, e al consigliere Pilloni in particolare: «La mancanza di risorse finanziarie frena i nostri programmi ma a breve, già dopo Ferragosto, partirà la prima trance del pacchetto che punta a garantire la sicurezza dei pedoni e, conseguentemente, degli automobilisti», dice Pilloni che annuncia il varo di alcuni sensi unici (in via Toscana, Trentino, Piemonte e Liguria) nelle strade «attorno al complesso scolastico di via Sicilia, prima dell’inizio dell’anno scolastico».

I. Pillosu – L’Unione Sarda del 10/08/2013

Commenta via Facebook

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato