Meteo: Serramanna | 20.84 °C

Due campionesse di body building a Serramanna

di Andrea Mura Letto 17.324 volte1

di Andrea Mura (articolo scritto su suggerimento di Anna Lasio)

DSC_1150

È stata la passione per il body building a farle incontrare, la stessa che ha fatto poi loro prendere la decisione di lasciare il Piemonte e rilevare una palestra qui in Sardegna, e precisamente a Serramanna (la Gymnasium di viale Sant’Ignazio).

Loro sono Monia Gioiosa e Cristina Trevisan, piemontesi, campionesse di body building a livello internazionale. Mentre Cristina fa body building solamente dal 2001, Monia è praticamente cresciuta in palestra, visto che fa body building da quando aveva quattordici anni e partecipa a gare da quasi ventinove anni.

Monia Gioiosa è stata campionessa europea nel 2008 per la IFBB (International Federation of BodyBuilding & Fitness, la federazione responsabile delle competizioni di Mr. Olympia, Ms. Olympia e Ms. International, per intenderci quella di Schwarzenegger e del campione sardo Franco Columbu), categoria “hard”. I titoli più prestigiosi sono invece quello di campionessa mondiale nel 2010 (titolo conseguito a San Javier, in Spagna) e di Miss Universo (anni 2011 e 2012) nei campionati internazionali ad Amburgo della NAC (Ms. Physique).

DSC_1152

Cristina Trevisan, dopo aver vinto varie gare regionali, è arrivata invece prima nel 2007 ai campionati italiani, IV ai campionati mondiali del 2010 in Spagna, VIII in Miss Universo ad Amburgo nel 2011 e VII nel 2012.

Quello di gestire una palestra è un po’, per loro, un sogno che si realizza. L’idea di gestire una palestra ce l’avevano da tempo ma, per un motivo o per un altro, avevano sempre rimandato, vuoi per il lavoro, vuoi per gli affetti familiari, vuoi per i rischi e per le incognite che tale scelta avrebbe comportato. Alla fine hanno deciso di osare e seguire quindi la loro passione.

Sono convinte che allenarsi in palestra, al di là del body building, possa servire ad avere più fiducia in se stessi, a “tirar fuori il carattere”. Ed è quello che vorrebbero trasmettere ai frequentatori della palestra. L’inaugurazione è avvenuta solamente il 26 settembre, dopo una lunga estate di preparativi. I corsi di Zumba sono già iniziati, così pure quelli di aerobica e total body ma contano comunque di allargare l’offerta.

Monia e Cristina non sono venute sole. Con loro ci sono due yorkshire, Mousy e Mir, che a volte stanno nel box d’ingresso a salutare gli avventori. Monia e Cristina li hanno adottati qualche anno fa e ora sono inseparabili. Mousy, in particolare, ha una storia un po’sfortunata alle spalle. Aveva una padrona sconsiderata che aveva altri cani grandi la quale non si curava minimamente del povero Mousy, all’epoca ancora cucciolo. All’età di neanche due mesi pesava un chilo e mezzo! Monia e Cristina videro la sua foto su facebook, postata da un’associazione napoletana che riuscì a prendersi cura di Mousy e decisero che era di lui che si volevano prendere cura, farlo crescere e farlo diventare forte. Qualche mese dopo l’adozione di Mir.

DSC_1156

Monia e Cristina sono rimaste sin da subito entusiaste della Sardegna e dei sardi. Parlando con loro, non hanno fatto altro che sottolineare quanto bene siano state accolte, quanta gentilezza e quanta disponibilità stanno vedendo attorno a loro. Secondo le due campionesse noi sardi abbiamo molto più a cuore i rapporti interpersonali e nei nostri vicinati vige ancora la propensione ad un aiuto e sostegno reciproco. “Gentilezza senza volere nulla in cambio”. Proprio mentre chiacchieravamo in palestra è entrato un nostro compaesano con in mano una busta di cozze fresche: era un avventore della palestra, ormai loro buon amico. che voleva farle assaggiare un po’di prelibatezze. E che ha confermato ciò di cui si parlava.

Ora Monia, Cristina, Mousy e Mir, vivono da noi a Serramanna, unendo passione e lavoro, coronando un piccolo sogno e decantando le bellezze della Sardegna e dei sardi, con uno sguardo malinconico per la terra e per i familiari che hanno dovuto lasciare, come sta capitando purtroppo a molti nostri compaesani, seppur nel verso opposto.

Commenta via Facebook

Commenti (1)

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato