Meteo: Serramanna | 24.55 °C

Tuttestorie, a Serramanna per fare “Tana!” – 3-4-7-8 ottobre

di Andrea Mura Letto 3.097 volte2

Tana Serramanna

Ecco “sulla rampa di lancio il progetto “Tana! Racconti, visioni e libri per case e cose da abitare” in programma il 3-47-8-ottobre nelle scuole primarie e dell’infanzia di Serramanna”.

8° Festival Tuttestorie di Letteratura per Ragazzi TANA!
Racconti, visioni e libri per case e cose da abitare.
Dal 3 al 9 ottobre 2013 in Sardegna,  7 e 8 giugno 2014 Fermo (Marche)

Michel Ocelot, con il suo Kirikù, Roberto Piumini, Sally Gardner, Marco Lodoli, Stefano Bartezzaghi, Pierdomenico Baccalario, Stephanie Blake, Silvana Galdolfi, Matteo Corradini, Stefano Bordiglioni, Giusi Quarenghi: sono solo alcuni dei tanti ospiti dell’8° Festival Tuttestorie di Letteratura per Ragazzi “TANA! Racconti, visioni e libri per case e cose da abitare”, in programma dal 3 al 9 ottobre 2013 tra Cagliari ( dal 3 al 6 ottobre) e le biblioteche e le scuole di Assemini, Carbonia, Decimomannu, Decimoputzu, Elmas, Gonnesa, Mogoro, Norbello, Posada, Ruinas, Samassi, Sant’Antioco, Serramanna, Serrenti, Siliqua, Quartu Sant’Elena, Vallermosa, Villasor, Villaspeciosa. E se Tuttestorie segna l’inizio d’anno scolastico in Sardegna, per la prima volta la chiusura delle scuole sarà festeggiata il 7 e 8 giugno del 2014 a Fermo, per un’edizione tutta marchigiana del festival.
Ideato e organizzato da Cristina Fiori, Manuela Fiori e Claudia Urgu, fondatrici della Libreria per Ragazzi Tuttestorie, con la collaborazione dello scrittore Bruno Tognolini, il festival è uno dei principali appuntamenti nazionali nel settore della letteratura per ragazzi, inserito tra le diciotto più importanti manifestazioni letterarie e fiere del libro dal recente 1°Rapporto sulla promozione della lettura in Italia e 1° classificato nella graduatoria del bando regionale relativo ai Progetti di promozione della lettura e festival letterari d’interesse regionale, nazionale e internazionale. Presidente onorario è lo scrittore David Grossman che è stato a Cagliari per un’anteprima il 19 e 20 maggio.

Il programma prevede 380 attività distribuite per 7 giorni fra 20 comuni dell’isola fra incontri, laboratori, narrazioni, spettacoli, performance, mostre, progetti speciali e giochi: di queste 270 sono destinate alle scuole, con oltre 12.500 studenti e 500 classi di tutta l’isola già iscritte a partecipare (dalla scuola dell’infanzia al biennio delle superiori), e 110 si rivolgono al pubblico di bambini, ragazzi e lettori curiosi di ogni età. Sono 70 gli ospiti di rilevanza nazionale e internazionale fra scrittori, illustratori, narratori, cineasti, artisti, musicisti ed esperti di letteratura per ragazzi. Un ruolo fondamentale svolge la squadra dei 200 volontari formata da studenti delle scuole superiori e bibliotecari per ragazzi.

L’ottava edizione rafforza il valore della rete. Dai tredici comuni del 2012 si arriva a venti nel 2013, con alcune conferme e nuove adesioni come quella del Sistema Bibliotecario Bibliomedia (nove comuni coinvolti), dei comuni di Serrenti e Ruinas e degli Istituti Comprensivi di Serramanna-Samassi e Sant’Antioco-Calasetta. Preziose come sempre le alleanze sul territorio: la partnership con www.cagliariperibambini.it, con il circuito Liberos, con il presidio del libro Miele Amaro, con il Teatro Lirico di Cagliari, con l’Istituto Europeo di Design e con il Cinema Odissea.

Cagliari ospita circa 240 appuntamenti (140 per le scuole e 100 aperti al pubblico) fra l’ExMà, la Mediateca del Mediterraneo, il Cinema Odissea, la Libreria Tuttestorie e gli ospedali Microcitemico e Brotzu.
Le prenotazioni alle attività a numero chiuso dell’ExMà dovranno essere effettuate esclusivamente on line attraverso i siti www.tuttestorie.it e www.cagliariperibambini.it dalle ore 9,30 del 23 settembre alle ore 21,00 del 2 ottobre 2013.
Gli insegnanti che volessero iscrivere la classe ai pochi appuntamenti ancora disponibili possono rivolgersi a Simona Bande (per Cagliari e Quartu S.Elena [email protected] – Cell 347.2199064) e ai referenti delle altre sedi indicati sul sito.

L’8° Festival Tuttestorie esplorerà il tema della CASA: pensieri e riflessioni dei bambini e ragazzi percorreranno l’isola e verranno spremute fuori dai muri, scelte, trascritte, stampate ed esposte, come annunci immobiliari della vita, dall’ Ufficio Poetico Edile.

Dopo la partenza con il fitto programma di incontri destinati alle scuole di tutta l’isola, si inaugura il programma aperto al pubblico. Il 3 ottobre (ore 17,00) la tana dell’ExMà farà gli “Onori di casa” , in compagnia di Mongeta e Tzinzigò (Maria Loi e Fabio Marceddu), due raminghi Senza Fessa Dimora, buffi, strani, eleganti e straccioni, con grandi gusci di lumaca sulla schiena e casa dappertutto. Tuttestorie invita il pubblico, bambini e “grandi”, a portare un pezzettino di casa per “La Casa di tutte le case: Ding Parapat!”, progetto di arte relazionale curato da Takla e Elisa Fontana. E’ una grande scultura composta da Cose di Case: oggetti, suoni, rumori, voci raccolti in diversi quartieri di Cagliari nei giorni precedenti e all’inaugurazione del festival. Tanti piccoli angoli domestici e privati in un grande oggetto risuonante, portatore di infinite storie e diversità.

INCONTRI PER BAMBINI E RAGAZZI

Fra gli ospiti alcuni dei più affermati autori per ragazzi accanto a scrittori e illustratori emergenti del panorama nazionale e internazionale.
Per la prima volta in Sardegna il regista francese Michel Ocelot, uno dei grandi maestri del cinema d’animazione. Creatore di capolavori come “Kirikù e la strega Karabà” e “Principi e principesse”, Ocelot introdurrà i bambini ai segreti del suo cinema, facendogli sperimentare le sue famose “silouhette” e incontrerà il pubblico al Cinema Odissea dopo la proiezione di “Azur e Asmar”.
Altra prima assoluta quella con Sally Gardner, autrice inglese neovincitrice della Carnegie Medal, il più prestigioso premio letterario britannico per ragazzi, con il libro “Il pianeta di Standish”. Definita dal “Sunday Times” “un genio eccentrico”, i suoi libri hanno venduto oltre un milione e mezzo di copie in Inghilterra e sono stati tradotti in ventidue lingue. Etichettata dagli insegnanti come ragazza impossibile, perché affetta da una grave forma di dislessia, la Gardner racconterà al festival la sua battaglia, intervistata da Nicoletta Gramantieri.
E’ un debutto nell’isola anche quello di Stephanie Blake, artista franco/americana molto amata dal pubblico dei piccoli lettori per aver creato il personaggio di Simone, un piccolo coniglio che dietro la maschera da superconiglio coraggioso nasconde le paure, le scoperte e le emozioni che segnano la crescita di tutti i bambini.
Roberto Piumini, forse il più noto autore contemporaneo italiano per ragazzi, sarà a Cagliari e in diverse biblioteche per incontrare i suoi tanti lettori. Silvana Gandolfi, una delle più interessanti autrici italiane, sarà assieme ad Andrea Gentile in un incontro sui ragazzi testimoni di mafia. Matteo Corradini, esperto di didattica della Memoria racconterà il ghetto di Terezin. Georgia Manzi, scrittrice italiana trapiantata ad Atene, racconterà le sue storie di adolescenti inquieti. E poi Gionata Bernasconi, Fulvia Degl’Innocenti, Luigi Dal Cin, Arianna Giorgia Bonazzi e Sonia Scalco. Tornano a grande richiesta Stefano Bordiglioni, Silvia Bonanni, Andrea Bouchard, Guido Quarzo, Pierdomenico Baccalario, Antonio Ferrara, Alessandro Gatti, Massimiliano Maiucchi, Luisa Mattia, Giusi Quarenghi, Anna Vivarelli, Alberto Melis, Andrea Pau e Pia Valentinis.
Si confermano gli incontri in ospedale organizzati in collaborazione con ASGOP Onlus: Antonio Ferrara sarà al Microcitemico assieme al maestro della scuola in ospedale Andrea Serra, mentre Bruno Tognolini porterà le sue rime raminghe ai bambini ricoverati nel reparto di Pediatria del Brotzu. Il 6 ottobre Giusi Quarenghi incontrerà gli alunni del Liceo Pitagora per il Progetto Lettori ImPazienti, promosso dai Presidi del libro della Sardegna per il reparto di pediatria dell’ospedale Brotzu

BABBO PARKING (ADULTI)

Oltre ai tanti appuntamenti per ragazzi aperti anche agli adulti, il festival ha previsto sin dalla sua nascita uno spazio di incontri (Babbo Parking) destinati esclusivamente ai “grandi”, ma con un occhio sempre rivolto all’infanzia o all’adolescenza. Il 3 ottobre (ore 21) si parte con “La pace e’ una bambina che non chiede cose matte. Dalla Cina delle Mosuo al Pakistan di Malala: mondi salvati dalle ragazzine”. Protagonisti dell’incontro, coordinato da Daniela Paba, sono il reporter e medico argentino Ricardo Coler, che racconta uno degli ultimi matriarcati nel suo “Il Regno delle Donne” e la giornalista del Corriere della Sera Viviana Mazza, autrice di “Storia di Malala”, la ragazza pakistana candidata al Nobel per la Pace. Il 4 ottobre Celestino Tabasso intervisterà Stefano Bartezzaghi nell’incontro “Giocare in casa. Qualche suggerimento per addomesticare la creativita’”. I due appuntamenti sono organizzati in collaborazione con Liberos. Sabato 5 ottobre “Io sono il cielo che nevica azzurro”: la scrittrice e poetessa Giusi Quarenghi racconta le case della sua infanzia. Alle 21,00 “Ultimo banco. La scuola dalla parte dei più deboli nel dialogo fra due insegnanti-scrittori”: Marco Lodoli intervista Eraldo Affinati. In collaborazione con il Circolo dei Lettori Miele Amaro. Domenica si torna al gioco con la game-conference curata da Tecnoscienza “Non aprite quella porta. Storie domestiche di scienza e di paura”: fulmini fatti entrare nel camino, esplosioni, morti e moltitudini di esseri che convivono con noi nelle nostre case.

SPETTACOLI, NARRAZIONI e ANIMAZIONI

Giovedì 3 ottobre (ore 19,00) all’ExMa’, uno degli appuntamenti più attesi: “Storie dell’orizzonte”, spettacolo di racconti e poesie con Roberto Piumini, l’attrice Patrizia Ercole e le musiche originali eseguite dal vivo da Andrea Basevi. C’è il ciuco di Francia Cianciccia Ricciò che decide di compiere “un bel sacrificio”, c’è un gatto che non si stanca di salutare gli altri animali, c’è la “buffa allegria” che pizzica le labbra e infrizza il naso… Storie di animali, sentimenti ed emozioni raccontate da uno dei più grandi scrittori contemporanei per ragazzi.
“Filastrocche’n’roll” è il concerto con Renzo Cugis (cantante dell’Armeria dei Briganti) e lo scrittore/chitarrista Gianfranco Liori, in programma a Cagliari e Carbonia per presentare il loro primo CD per bambini: dal blues, al rock, passando per il cha cha cha, il country-western e anche l’hip hop. Enedina Sanna sarà al festival con “Fiabe a merenda”, spettacolo di storytelling contro la bulimia da merendine. Si racconta, si ascolta e … si mangia! La compagnia Nuvoleintasca porterà al festival due spettacoli per bambini da 2 a 5 anni: “Nuvole e case”, un modo leggero per affrontare, attraverso il potere evocativo del teatro e la poesia della musica, il tema della casa, da sempre sinonimo di sicurezza e protezione, e Lupi a merenda, storia di una bambina golosa di ovetti e lupi freschi. L’illustratrice Silvia Bonanni muoverà i suoi pupazzi marini fra narrazione e musica nel suo “Morbido mare, morbido giocare”, mentre Francesca Amat porterà i piccolissimi nelle “Le case cantate” con l’aiuto dello gnomo Gaspare. Giocolerie, magie comiche e filastrocche con Massimiliano (Jully) Maiucchi e la sua nuova raccolta di filastrocche “Casa cos’è?”, realizzata in occasione del festival. “Roac!” è il titolo della lettura-spettacolo- laboratorio di Elena Morando per piccoli e grandi alla ricerca di un nido ideale dove fare casetta. Nicoletta Gramentieri, responsabile del Progetto Nati per Leggere alla Biblioteca Salaborsa di Bologna leggerà ai piccolissimi tante storie a tema casalingo.

MOSTRE E LABORATORI PERMANENTI

Oltre al Ding Parapat, diversi altri i progetti speciali dedicati al tema casalingo, fra cui la mostra interattiva Immobiliare Fiaba, ideata dal ludomastro Carlo Carzan, con allestimenti del Teatro Lirico di Cagliari e dell’Istituto Europeo di Design (IED) e le tavole originali di un collettivo di illustratori sardi: una mostra per conoscere le case delle fiabe e giocare con l’architettura e le storie in un tempo in cui persino le case dei tre porcellini, della strega di Hansel e Gretel e della nonna di Cappuccetto Rosso risentono della crisi. La terrazza/bar sarà occupata da “La cucina della scienza” a cura di Tecnoscienza: un cuoco-scienziato e i camerieri-assistenti serviranno ai loro ospiti menù chimici, fisici, delle trasformazioni, matematici, geometrici. Con il laboratorio permanente dell’argilla “Dentro e fuori” tornano i Blu Sole, per invitare i bambini a esplorare la tridimensionalità, modulare lo spazio, inventare nascondigli e costruire case tutte diverse. Sarà Marco Peri in collaborazione con l’Associazione Culturale CultArch e Revolvèr a curare il progetto “C’era una casa molto carina// Verso la casa utopia”: un team di giovani architetti guida i bambini nella creazione della casa dei sogni, secondo gusti e desideri che sfidano la legge di gravità. E poi “Il Museo delle Case Sognate” vivrà nelle tavole originali di Francesca Amat, mentre le case illustrate entreranno dentro i ritratti da favola di Simona Muratori, mentre le due animatrici di “Olimpia & Limpia Agenzia di Pulizie” si aggireranno per il festival coi loro carrelli irti di scope, stracci, prodotti, e altri aggeggi più strani caveranno fuori dagli angoli nascosti i segreti delle case.

LABORATORI e GIOCHI

Tantissimi i laboratori in programma: dalle sperimentazioni sonore con Arianna Sedioli alle narrazioni e collage con Vittoria Negro e Pia Valentinis, dal dialogo filosofico con Fabio Mulas (Philosophy for Children) alle rime con Massimiliano (Jully) Maiucchi, dallo zoo di calze di Silvia Bonanni alle scatole segrete di Antonio Ferrara, dalle magie di carta con Michel Ocelot alle illustrazioni con Stephanie Blake, dalle case in scatola di Agnese Meroni alle case sognate di Francesca Amat, dai labirinti abitabili di Giulia Casula alle tane di Emanuele Scotto, dalle case di parole di Gionata Bernasconi ai muri/fogli bianchi di Andrea Serra e Valentina Sanjust, dalle case-dolcetto di Bel e Zebù alle invenzioni strampalate di Ciccio Frittata con Alessandro Gatti e Pierdomenico Baccalario, dalla “bug-art” di Punti di Vista alle case viaggianti di Area3, dalle case delle storie della Cooperativa Scila alle capanne neolitiche della Cooperativa Mediterranea. “Libri in trappola”, è il gioco a squadre di Carlo Carzan (ideatore anche della mappa Detective Tuttestorie) che metterà sottosopra il festival alla ricerca dello scrittore matto. E per i nottambuli “Tutti dentro l’armadio”, notte bianca al festival con Emanuele Ortu e Evelise Obinu.

SPONSOR ISTITUZIONALI E PRIVATI E PARTNER

Il festival è sostenuto da: Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato alla Pubblica Istruzione), Fondazione Banco di Sardegna, Banca di Sassari e Comuni di Cagliari, Carbonia, Gonnesa, Mogoro, Norbello, Posada, Ruinas, Serrenti, Sistema Bibliotecario Bibliomedia, Ladiris e Sbis, Istituti Comprensivi di Sant’Antioco/Calasetta e Serramanna/Samassi. Sponsor privati: Tiscali, Ambasciata di Francia, Sardex, Elizabeth, Studio Dentistico Mameli, Crocchias, Chatterbox, Manuela Bimbi, Ludoteca Castello, Alcatraz, Chocolat, Scirabimbi, Cucina Eat, Accademia dei Piccoli, Piccola Accademia, Incas Pisano, Mimamai, Cts, Helen Doron. Partner: Babalibri, Cagliari per i Bambini, Liberos, Miele Amaro, Cinema Odissea, Teatro Lirico di Cagliari, Istituto Europeo di Design, Progetto S.C.I.L.A e Networld.

Fonte: sito IcSerramanna

Commenta via Facebook

Commenti (2)

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato