Meteo: Serramanna | 32.8 °C

Allenatrice nazionale specialista all’Atletica Serramanna

di Andrea Mura Letto 5.539 volte1

di Andrea Mura

Daniela Tocco

Di recente abbiamo conosciuto due campionesse piemontesi di body building che hanno deciso di rilevare una palestra a Serramanna. Restando nell’ambito sportivo a Serramanna ci son tante altre persone di cui parlare, come mi è stato suggerito. Pensiamo, ad esempio, all’Atletica Serramanna (vedasi articolo Il nostro piccolo paradiso, con foto e video della pista). La Polisportiva fondata nel 1979 e che ogni anno organizza la Pazzieggiata e il Trofeo del 25 Aprile, ha come allenatrice Daniela Tocco.

Daniela ha 44 anni e attualmente, oltre ai corsi dell’Atletica (tra cui il settore Centro Avviamento allo Sport per i bambini dai 4 anni in su), segue i corsi di ginnastica dolce in palestra, ginnastica aerobica a Nuraminis e ginnastica dolce all’Università della terza età. Nella sua carriera da allenatrice ha conseguito diversi titoli e abilitazioni (istruttrice allenatore di fitness, di aerobica e step, di attività motoria nei CAS, di atletica leggera in campo nazionale, di pallavolo, di calcio) e svolto numerose esperienze professionali.

A: Daniela, come nasce la tua passione per lo sport?

D: in un’epoca in cui il calcio era per i maschi e la pallavolo uno sport troppo costoso l’unica possibilità era l’atletica, e così, all’età di sette otto anni, inizio l’esperienza come atleta. Dapprima con la società Gialeto e successivamente con la polisportiva atletica Serramanna, fondata nel 1979. La formazione come atleta viene arricchita dalla presenza di allenatori federali come Nardino Degortes, responsabile della squadra nazionale del mezzofondo, che ha permesso alla società di raggiungere degli ottimi risultati.

A: E poi decidesti di continuare gli studi sempre in quell’ambito…

Successivamente, nel 1990, intraprendo gli studi all’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Cagliari e contemporaneamente inizio l’ esperienza di tirocinio come allievo istruttore di atletica leggera, affiancando i tecnici specializzati presenti in società, e inoltre conseguo il titolo d’istruttore di giovani calciatori e il primo livello di istruttore di pallavolo, che mi ha permesso di lavorare nella società dell’Aquila Cagliari .

A: in seguito  il diploma di laurea ISEF

D: Si, ho conseguito il diploma di laurea ISEF, il livello di allenatore di atletica leggera e la società mi ha quindi affidato l’incarico di allenatore e direttore tecnico del gruppo atletica Serramanna, inizialmente in maniera congiunta con la collega Augusta Fenu e successivamente come unica responsabile.

A: da allora quanti anni sono passati?

D: ormai sono più di vent’anni che nella società atletica Serramanna mi occupo di allenare, dai bambini con attività propedeutiche ai successivi atleti evoluti e infine anche gli adulti, con attività di ginnastica a corpo libero. Inoltre, per desiderio personale, ho intrapreso un percorso di crescita e formazione anche relativamente alla disabilità, avendo l’opportunità di lavorare sul campo con bambini down, non vedenti e con disabilità intellettive e motorie.

A: quali sono le maggiori soddisfazioni raggiunte in questi anni?

DSC_1294
Daniela e il promettente atleta Mattia Scalas

D: le soddisfazioni sono state tante, sia in termini di formazione che di crescita personale, sia come risultati ottenuti dagli atleti allenati, come ad esempio il velocista Michele Zucca, che mi ha permesso di entrare in contatto con l’allenatore federale Gianfranco Dotta, responsabile della squadra nazionale della velocità. Ho seguito diversi atleti che si sono distinti in campo regionale e nazionale, individuale e a squadre, fino ad oggi  la cui esperienza positiva continua con gli ottimi risultati di Mattia Scalas (foto a lato) e con le prestazioni dei giovani atleti presenti.

A: cosa ti piace maggiormente del tuo lavoro?

D: il contatto con le persone, le loro facce durante l’attività, la fatica, i sorrisi… Si crea una sintonia che va al di là di quello che è veramente il lavoro. La mia fortuna è poi quella di lavorare con tutte le fasce d’età, dai più piccoli ai più grandi. Con i piccoli diventi una figura di riferimento… Ti coccolano e vogliono essere coccolati… Con le signore è un continuo scambio dove si crea un rapporto anche di amicizia… Con gli anziani è una meraviglia. Sono diligenti attenti saggi volenterosi e mi fanno star bene mentre faccio star bene loro. È come se fossero tante mie mamme e nonne. Lo amo, questo lavoro. Mi fa sentire molto fortunata.

A: adesso sei anche specialista nazionale nel mezzofondo, vero?

D: da due anni collaboro come formatore nazionale della Fidal regionale nei corsi per istruttori di atletica leggera. Attualmente ho intrapreso la formazione massima in atletica, la specializzazione nel settore mezzofondo quasi assente in Sardegna soprattutto al femminile, e questo mi permetterà di inserirmi nel settore regionale e nelle liste nazionali, e all’Atletica Serramanna di averne l’esclusiva.

Commenta via Facebook

Commenti (1)

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato