Meteo: Serramanna | 20.65 °C

Don Giuseppe Spiga: News dal Brasile – Settembre 2014

di Davide Batzella Letto 3.406 volte2

a12

È già arrivato settembre, in Italia ricomincia l’anno pastorale, qui in Brasile continua e terminerà solamente in dicembre. Tempi diversi di ferie, di stagioni e di culture, d’altra parte siamo in un altro emisfero.

Sono passati tanti mesi dall’ultima volta che ho scritto.

a24

Nei mesi di aprile e maggio sono stato in Sardegna per la visita alla mia famiglia e alla diocesi di Cagliari. Un tempo intenso per riabbracciare gli amici e condividere il “lavoro” missionario in questa diocesi di Viana. Al mio ritorno, nel mese di giugno, come immaginavo, ho trovato tutte le strade, sia nei grossi centri, come anche nei piccoli villaggi dell’interno, addobbate a festa con bandierine giallo verdi in occasione dei mondiali di calcio. Per l’ennesima volta tutti erano convinti di vincere la coppa ancora prima di iniziare il torneo. Anche vedendo il gioco disordinato e fortunoso della Seleção, la convinzione continuava. Una cosa è da invidiare in questo comportamento, lo sperare contro ogni probabilità sino alla fine e che fine quella di quest’anno con un sette a uno che ha irrigato di lacrime tutto il continente.

Gli ultimi due mesi sono stati di intenso lavoro per la preparazione e la realizzazione del Giubileo della parrocchia che completa 50 anni dalla fondazione. Una bella festa che ha ripercorso l’origine delle fede cristiana in questa piccola parte di mondo. Tante persone semplici che sono riuscite a portare Gesù nel cuore, a conservarlo anche quando per anni non si vedeva un prete passare e fermasi per le celebrazioni. Una festa di fede, di cultura di storia che ha segnato con emozione il cuore di tutti noi.

DSCN6446

È stata anche l’occasione per celebrare i 50 anni di vita religiosa di suor Annalisa Serra della Congregazione delle Figlie di San Giuseppe di Genoni, una bella festa con la partecipazione di molti fedeli alla Messa presieduta dal vescovo di Viana Mons. Sebastião Lima Duarte, con la partecipazione delle consorelle italiane e di altre congregazioni presenti nel Maranhão. Negli ultimi mesi le nostre parrocchie di Viana e Matinha possono contare con la collaborazione della missionaria cagliaritana Rosaria Boi, che già negli anni 70 aveva vissuto una esperienza nella vicina diocesi di Pinheiro, in quel tempo legata a Cagliari per la presenza dei fidei donum diocesani nella parrocchia di Bacurì.

a17

Il mese di settembre, qui in Brasile è il mese della Bibbia. Tutti siamo invitati a fare del libro sacro un compagno di vita, lo studio della Parola di Dio si intensifica con i circoli biblici, usando il metodo della lettura orante e della lettura popolare. È questa una bella occasione per conoscere più profondamente il messaggio di Gesù e farlo nostro per poterlo non solo conoscere ma anche vivere. Purtroppo non mancano le notizie tristi e negative, soprattutto per quanto riguarda la violenza che cresce sempre più è senza limiti e confini. Succede che un giovane è ammazzato all’uscita di chiesa solo per rubare il suo cellulare. Succede che un ex marito fa irruzione, nella tarda serata di un sabato, nella casa dell’ex moglie e ammazza suoceri, cognata e due bambini di cui uno di pochi mesi buttato nel pozzo perché piangeva troppo. Succede che l’assassino è rincorso dalla folla e ammazzato in mezzo alla strada con il metodo delle giustizia fai da te. Succede che nell’ospedale molte volte non c’è il medico e chi poteva essere curato e salvato, muore tentando di raggiungere al punto sanitario più attrezzato che dista 200 chilometri di strada non tanto buona e tanto pericolosa. Succede, e il governo del Maranhão sta a guardare da anni e non fa nulla che possa liberare questo popolo da una schiavitù atavica che sembra non finire mai. Ma come per la coppa del mondo persa, la speranza di un futuro migliore non muore e non può morire, un giorno anche questi problemi saranno superati.

Come Chiesa stiamo tentando di evangelizzare il sociale, promovendo dibattiti, provocando le istituzioni, denunciando le situazioni di corruzione che sono causa del disordine e della violenza attuale. La pastorale della gioventù sta realizzando il progetto dal titolo “basta con la violenza e lo sterminio di giovani”.

Questo è l’ultimo mese della campagna elettorale per l’elezione dei presidenti della repubblica e dei 27 Stati con i relativi deputati, saranno le prime elezioni dell’era multimediale e dei social network, che potrebbero riservare molte sorprese rispetto al passato. Speriamo in sorprese positive che possano far crescere questo paese e non facciano morire la speranza.

a1

L’azione sociale continua, grazie agli aiuti provenienti dall’Italia, sia a Viana con “Casa Linda”, sia a Matinha con vari progetti. Non stiamo facendo mancare l’aiuto alla “Fazenda do Amor Misericordioso” da cui sono usciti recuperati dalla droga e dall’alcol, già 20 giovani. Con le scuole del ricamo, di musica, di danza stiamo cercando di educare i giovani e i bambini a stili di vita semplici, senza violenza, con una dose di sacrificio che serve a temprare la personalità di tanti che in molti casi mancano di genitori che li possano accompagnare nella crescita umana e cristiana.

Casa linda continua con la formazione e l’animazione ludica, fornendo tutti i mesi un aiuto alle famiglie dei bambini adottati a distanza e rinnovando proposte di accompagnamento non solo ai bambini ma anche ai genitori.

Termino questo mio “messaggio” ringraziando tutti coloro che ci sostengono in tutti i modi, sia quelli che ho potuto incontrare negli scorsi mesi in Italia sia quelli che non ho potuto vedere e che seguono con affetto i missionari.

Vi assicuro la mia vicinanza nella preghiera, pregate per tutti i missionari sopratutto per quelli che operano in situazioni difficili e di persecuzione. Per finire un pensiero e una preghiera per le tre suore Saveriane italiane uccise in Burundi, il Signore le accolga nella sua pace.

Buon anno pastorale e Deus vos abençoe.

Don Giuseppe Luigi Spiga

Commenta via Facebook

Commenti (2)

  1. Salve,. Credo che suor Annalisa Serra sia stata la mia maestra d asilo. Potreste mettermi in contatto con lei? Mi farebbe tantissimo piacere. Penso spesso a lei, davvero una brava persona. Diana Lai

       0 Mi piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato