Meteo: Serramanna | 24.87 °C

Basket: 10° Torneo di Natale della Pol. ATLETICA Serramanna (7 e 8 dicembre 2014)

di Davide Batzella Letto 2.583 volte0

Dopo la Pazzieggiata (arrivata ormai a trenta … autunni), la Polisportiva ATLETICA Serramanna, continua nel mantenere i propri impegni organizzativi con le manifestazioni diventate un appuntamento fisso per lo sport della nostra provincia e di tutta la Sardegna.

Manifesto torneo natale 2014 LQ

Con il Torneo di Natale di Pallacanestro, intorno alla data del 8 dicembre, decine e decine di atleti (quasi 200 ….) si sfidano nella Palestra di Via Svezia da ormai dieci anni, per divertirsi fra loro e per portare un messaggio di pace e solidarietà: insieme alle partite, si organizza anche una raccolta fondi da destinare allo studio delle malattie genetiche. Per diverso tempo i soldi raccolti sono stati versati a TELETHON, da quattro anni, vengono invece destinati alla Sezione Sardegna della Associazione Italiana Sindrome X-Fragile, diventata ormai un testimoniale in tutte le manifestazioni della Polisportiva.

Continuiamo a ricordare che la Sindrome della X- Fragile, è una malattia genetica rara, che causa un disturbo nel comportamento ed un ritardo cognitivo di diversa graduazione. E’ la causa di ritardo mentale più comune dopo la sindrome di Down. È ancora poco nota, anche se il gene responsabile della malattia (FMR1) è stato identificato nel 1991 e da allora diverse ricerche hanno permesso una conoscenza sempre più approfondita della sindrome. Dal 2001 è iscritta nell’elenco delle malattie rare. In Sardegna – compresa Serramanna – sono stati censiti finora meno di 100 casi, ma si pensa che la patologia sia sotto diagnosticata.

Tutti i nostri atleti, dalla PROMOZIONE, ai CADETTI, agli UNDER 13, ai MUFLONI ed ai GHIRI scenderanno in campo, nelle giornate del 7 e 8 dicembre prossimo, per ricordare che le malattie genetiche non si possono sconfiggere completamente, ma che la ricerca può aiutare a curarle e dare un esistenza dignitosa e migliore sia ai malati che alle loro famiglie.

Commenta via Facebook

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato