Meteo: Serramanna | 20.85 °C

Aperitivo d’Autore: resoconto incontro con Daniele Mocci

di Davide Batzella Letto 1.793 volte0

loc

Vi proponiamo il simpatico resoconto fotografico, ad opera di Daniele Mocci, autore del libro “La Principessa che amava i film horror (e altri racconti)”, presentato nell’ambito  del terzo appuntamento della Rassegna Letteraria “Aperitivo d’Autore”, tenutosi presso la Biblioteca Comunale “G.Solinas” di Serramanna il 29 dicembre 2015, a cura dell’Associazione Culturale “Aletheia”.

Serata bellissima alla Biblioteca Comunale di Serramanna.

I bambini sono accorsi in gran numero e hanno partecipato con entusiasmo.

I ragazzi dell’Associazione Culturale Aletheia, organizzatori della serata, sono stati assolutamente prefetti, così come il personale della biblioteca.

Dopo le introduzioni “di rito”, abbiamo parlato un po’ del libro insieme ad Anna, la bambina-giornalista-presentatrice che ha scandito il ritmo della prima parte della serata.

Intanto il mio amico – disegnatore – “guest star” Luca Usai (Disney-Panini, Piemme, Salani, Gaghi, ecc.) ha disegnato un bel poster di Super Pro, personaggio creato da me e dallo stesso Luca.

La ciliegina sulla torta è stata senza dubbio l’animazione teatrale della “title track” del libro: LA PRINCIPESSA CHE AMAVA I FILM HORROR.

L’adattamento, realizzato in pochi giorni e con mezzi di fortuna, è risultato particolarmente azzeccato, oltre che apprezzato dal pubblico (bambini e adulti).

Poi il gran finale con le domande “a briglia sciolta” dei bambini, alle quali ho risposto con immenso piacere, e gli immancabili dolci.

GRAZIE alla Biblioteca Comunale, all’Associazione Culturale Aletheia, ai genitori, ai bambini e all’Amministrazione Comunale di Serramanna.

 

  1. Eccomi con Anna, la piccola presentatrice-giornalista, all’inizio della serata. Dietro di noi, Luca Usai disegna SUPER PRO

    1

  2. Pubblico delle grandi occasioni. Tantissimi bambini e… tutti rigorosamente in pigiama!!!

    2

  3. L’idea del pigiama party in biblioteca, con presentazione del libro e animazione teatrale ha avuto un grande successo!

    3

  4. Il pubblico ha riempito ogni spazio “calpestabile” della biblioteca. In questa foto si nota uno scorcio della “tribuna adulti e autorità”. In altri punti della biblioteca, qualcuno cercava di vedere qualcosa attraverso gli stretti spazi tra i libri negli scaffali.

    4

  5. Mentre Anna è concentratissima sul suo lavoro e Luca ha quasi terminato il disegno, io mi concedo un sorriso di soddisfazione per quello che vedo intorno a me!

    5

  6. Seduta sulla panca, la principessa di Lollòna (ovvero “la principessa che amava i film horror”), insieme a due dei suoi mostri preferiti!

    6

  7. Com’è dolce farsi coccolare dai propri incubi cinematografici!

    7

  8. Il principe di Fratteblù… timido, incosciente e ignaro dei pericoli del mondo, è disposto a tutto pur di raggiungere la sua amata… anche a trasformarsi, suo malgrado, in uno zombi!

    8

  9. Il re e la regina di Lollòna non credono ai loro occhi. Dopo aver rifiutato tutti i principi possibili, la loro “figliuola” si innamora perdutamente proprio del principe meno… principesco!

    9

  10. Mi gusto la scena, seduto vicono ai bambini. Sarebbe stato bello che lì con me ci fossero stati anche Alessio De Santa ed Elena Grigoli, rispettivamente disegnatore e colorista del libro.

    10

  11. I sovrani di Lollòna hanno dato una sistemata al povero principe di Fratteblù, per le nozze con la principessa.

    11

  12. Al termine della storia, i quattro personaggi-protagonisti, salutano i tanti bambini del pubblico.

    12

  13. Rieccomi insieme ai bambini (e alla principessa che amava i film horror!), per chiacchierare del libro.

    13

  14. Che bella serata!

    15

  15. A un certo punto ho pensato di essere tornato bambino…

    15

  16. Grazie alla bravura degli organizzatori e alla divertentissima performance degli attori, i bambini sono entrati in un clima perfetto per parlare del libro.

    16

  17. Non so se ho fatto bene a indossare solo la casacca del pigiama… forse avrei dovuto “pigiamarmi” in modo integrale come i bambini. Comunque mi sono divertito moltissimo! Grazie a tutti!

    18

Commenta via Facebook

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato