Meteo: Serramanna | 24.87 °C

Pomodoro: Pigliaru incontra i produttori di pomodoro della CASAR di Serramanna

di Davide Batzella Letto 2.384 volte0

Il presidente Pigliaru, insieme all’assessore del Lavoro Virginia Mura e dell’Agricoltura Elisabetta Falchi, ha incontrato il 4 marzo 2016 i produttori del pomodoro sardo durante una visita allo stabilimento Casar di Serramanna, realtà di eccellenza dell’agroalimentare e di recente citato da The Guardian tra le migliori aziende del mondo per la qualità del prodotto realizzato. Nell’occasione il presidente Pigliaru ha incontrato Giovanni Muscas, proprietario dell’azienda e fondatore e patron del gruppo industriale Nonna Isa.

casar sul guardian

“Siamo profondamente convinti che il settore dell’agroalimentare debba essere uno dei comparti trainanti per la nostra economia, insieme alle nuove tecnologie e al turismo. Stiamo lavorando per capire dove si può crescere”, ha detto il presidente Pigliaru. “Aziende come questa sono un esempio per la Sardegna. In questo caso, da una produzione che accumulava perdite quando era pubblica, si è passati alla situazione attuale, che genera lavoro e ricchezza. Sappiamo che il nostro agroalimentare è di altissima qualità e siamo pronti per fare la nostra parte per sostenere e valorizzare le eccellenze. Ciò significa accompagnare i percorsi di filiera e creare le condizioni perché l’intero comparto possa riuscire ad imporsi sul mercato internazionale, riuscendo ad unirsi, a produrre di più e a differenziare l’offerta senza perdite di valore”.

casar ieri-oggi

“Faremo approfondimenti per attivare le misure del Psr su tutte le filiere – ha detto l’assessore Falchi – tra cui quella del pomodoro. Siamo certi che si possa fare un buon lavoro complessivo per abbattere i costi per le aziende e a breve convocheremo i tavoli”.

A latere dell’incontro l’assessore del Lavoro Mura ha espresso soddisfazione per l’impatto positivo che hanno avuto, nell’azienda, le politiche del lavoro attivate dalla Giunta. “Sono state una settantina le persone che hanno potuto rimettersi in gioco grazie alla misura Flexicurity nelle varie realtà aziendali di questo gruppo, con una dozzina di trasformazioni di tirocini in rapporti di lavoro stabile”.

Via | Regione Sardegna

Commenta via Facebook

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato