Meteo: Serramanna | 25.13 °C

“Dicciusu” e proverbi Serramannesi: raccolta di Paolo Lilliu

di Davide Batzella Letto 8.745 volte1

modi-di-dire-serramanna

Pubblichiamo una piccola raccolta di “dicciusu” (modi di dire) e proverbi serramannesi a cura di Paolo Lilliu, che tramite email ci scrive:

Carissimi concittadini di Aserramanna.it,

da qualche tempo sto raccogliendo modi di dire, proverbi o come diciamo noi “dicciusu” in sardo-serramannese.

Mi piacerebbe vederli pubblicati, anche perché vedo che, parlando con i giovani, è una tradizione che si sta perdendo.

Non è una raccolta completa anzi la mia ricerca sta continuando.

Ho volutamente scritto ogni parola così come si pronuncia nel nostro paese, scritto così come viene, facendo ricorso solo ai ricordi di infanzia e alla pratica quotidiana.

Cordiali saluti,
Paolo Lilliu

Dicciusu e proverbi serramannesi

  • “Centu concasa, centu barrittasa”

(ogni persona può avere idee e punti di vista diversi per lo stesso problema);

  • “Candu cantada su succu è tempusu de andai iscruzzu”

(il canto del cuculo annunciava l’arrivo della primavera e quindi, per non consumare le scarpe, si andava scalzi per tutto il bel tempo);

  • “Mau pensadori esti peusu faidori”

(chi pensa sempre male degli altri probabilmente è il primo a non avere la coscienza pulita);

  • “Tzia Arrosa de is affariusu”

(una persona piena di energia che trova il tempo di fare tutto);

  • “Crobu cun crobu no si ndi oganta s’ogu”

(tra malfattori si trova sempre l’accordo);

  • “Chi cun cani croccada, carriau de puxi si ndi pesada”

(avvertenza per chi frequente cattive compagnie);

  • “Mancu mali ca mi nd’adi scampau Deusu”

(sono scampato ad un grave pericolo);

  • “S’arrisu de is carrusu furriausu”

(per chi ride dei guai altrui);

  • “Imboddiccau cun folla ‘e muta”

(chi spera di riavere, forse invano, i soldi prestati ad un amico);

  • “Brennau m’ha biu scovasa de forru”

(si dice quando non si spera più di riavere indietro una cosa che si è prestata);

  • “Cani inzabada e proccu pascidi”

(ognuno fa i fatti propri);

  • “Puntu, mottu e ghettau a sa bettua”

(pensato, deciso e fatto);

  • “Pottada setti animasa in sa co”

(chi scampa a tanti rischi e pericoli);

  • “A chistionai cun tui esti cumenti a sciacquai sa conca a su burriccu”

(parlare con te non da nessuna soddisfazione);

  • “A conca manna e prexiu”

(chi ha iniziato con entusiasmo un’opera che poi non ha finito);

  • “Cuaddu friau sa sedda si timidi”

(quando di toccano certi argomenti a qualcuno non graditi);

  • “O è babbu o è cerda ‘e palla”

(chi fa confusione su cose chiare a tutti);

  • “S’unconi prezziu s’angelu si ddoi seidi”

(bisogna pensare anche agli altri);

  • “Ge ti passada su pappa-arrescottu!”

(quando dopo un periodo arrivano le ristrettezze);

  • “Obiada s’ou, sa pudda e s’arriabi”

(per chi voleva accaparrare tutti i beni per se stesso);

  • “No ddi bastada ne birdi e ne siccau”

(una persona di buon appetito);

  • “In domu de ferreri schidonisi de linna”

(si usa per qualcuno che, esperto in un lavoro, non lo esegue mai per se stesso);

  • “Sesi tottu malladrobbau, mi parisi unu scrucciulippinu”

(trascurato nel vestire);

  • “Tresi arriabisi po ti biri”

(bisogna pagare per vederti, come per gli animali allo zoo);

  • “Asi appiccau is craisi in logu mau”

(hai riposto fiducia nella persona sbagliata);

  • “No è prusu su tempusu de candu si accappianta is canisi a cannaccasa de sattizzu”

(la gente ora è smaliziata, non crede più alle facili promesse);

  • “Fami finzasa a coi no è fami mau”

(per chi è impaziente di avere qualcosa che comunque sa che avrà);

  • “Mannu esti su campanibi”

(per indicare qualcosa che, ritenuto grande, in realtà non lo è);

  • “Acciottau siada!”

(che sia fortunato!);

  • “Chi non ndi bessada de murusu inforasa”

(mi raccomando, è un segreto, non parlarne con nessuno);

  • “Ballidi che una Ispannia”

(una cosa di valore);

  • “Sesi tottu affliggiu, parisi unu cuccumeu ”

(mi sembri un po’ giù di morale);

  • “Bassinusu fradisi e siliettasa sorrisi”

(per chi si vanta di avere parenti nobili e importanti);

  • “No ballidi una piribimpà”

(non ha un grande valore);

  • “Is mausu che dimoniu in fodd’e bettua!”

(quando c’è premura di sbrigare un lavoro in tempi brevi);

  • “Cottu o no cottu su fogu dda biu”

(il lavoro non è finito anche se il tempo per realizzarlo è scaduto);

  • “Acee!, acee!, su carru ‘e nannai!”

(si dice per far paura ai bambini);

  • “No ddappu iscuau s’egua!”

(giustificazione di chi viene accusato ingiustamente di aver offeso una persona);

  • “A poburu non promittasta e a riccu non deppasta”

(attento con chi ti impegni);

  • “Chi sezzidi a cuaddu allenu ndi cabada candu no boidi”

(chi si rivolge ad altri si deve aspettare anche rifiuti);

  • “Chi no tenidi cosa ‘e fai scraffidi su cu ai gattusu”

(per chi fa lavori completamente inutili);

  • “Cumenti Sant’Angiu e Guventu”

(per me va bene comunque);

  • “Asi fattu bisu de proccu”

(ti sei illuso facilmente);

  • “Che cuaddu accirrau”

(come un cavallo al galoppo);

  • “Becciu è candu unu bogada farrixedda de is genugusdu!”

(viene detto da un anziano che si sente offeso per essere chiamato vecchio);

  • “A sa grazia de Deusu”

(chi campa dell’aiuto del prossimo);

  • “Toccada abentuai candu tirada su bentu”

(bisogna sapere approfittare delle buone occasioni);

  • “Cussu cumprendidi allu po cidubba”

(per una persona che non capisce niente);

  • “Fragu ‘e casu in s’arcaiou”

(ogni cosa è al posto giusto);

  • “Chi marrada faa bogada faa”

(chi lavora può fare errori);

  • “No mi ndi boghinti de priorissa!”

(non ho paura delle critiche);

  • “Adi accabbau is isturrusu”

(è morto, ha smesso di soffrire);

  • “Cussu pistada su pei a terra e bogada dinai”

(si dice di chi fa affari facili);

  • “Ndadi pigau sa mellu patti”

(per chi voleva fare da paciere e invece ha preso le botte);

  • “E nosu ndrigghindi, sa mesu canna!”

(si dice di un argomento chiuso che ormai ha stufato);

  • “Cussu esti battiau a ollu de cuccumeu”

(persona di carattere allegro e scherzoso);

  • “Ci ndi esti a bizzeffasa”

(c’è abbondanza);

  • “Pobura axroba se si ndi accattada de sa frommiga”

(falsa ricchezza, se non si può spendere nemmeno per le cose essenziali);

  • “Nomenau molenti ecculu presenti”

(si dice quando si parla “male” di qualcuno e improvvisamente lo vedi arrivare);

  • “No fazzisti che su cuccumeu”

(non fare finta che non ti importi niente);

  • “Ge no tant’a fai i gocciosu comenti a Sant’Efisi”

(non hai i titoli per la beatificazione);

  • “M’esti pigau i bribilliscusu”

(mi è venuto il nervoso);

  • “E’ maccu che unu cuaddu”

(quando si parla di una persona pazzerella);

  • “T’anti agattau s’affressiu”

(hai trovato chi che ti dice la verità);

  • “Ha fattu forradasa crispasa”

(si dice di chi, mangiando in fretta, pulisce il piatto);

  • “De cussa linna ge no ndanta fai santusu ”

(il tuo fare non si adatta ad opere sante);

  • “Esti unu sgalluppu”

(una persona golosa di tutto);

  • “Su giogu de is crabittusu de Pasca!”

(detto da persone intolleranti ai giovani allegri e chiassosi);

  • “Addi! Addi! Spetta su casu”

(si dice ad una persona che augura le disgrazie agli altri, in italiano “chi la fa l’aspetti!” );

  • “Trumbuttus surdusu, acqua a imbudusu”

(tuoni lontani, avviso di temporali);

Commenta via Facebook

Commenti (1)

  1. bellissima iniziativa!

       2 Mi piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato