Meteo: Serramanna | 24.87 °C

Le ragazze sono partite: incontro letterario il 4 febbraio a Serramanna

di Davide Batzella Letto 1.679 volte0

pungolo-ragazze

Sabato 4 febbraio 2017, alle h. 18 nella Sala Montegranatico a Serramanna, l’Associazione culturale Il Pungolo presenta il volume Le ragazze sono partite del giornalista Giacomo Mameli che interverrà all’incontro. Il libro pubblicato dalla CUEC di Cagliari raccoglie le testimonianze di numerose ragazze sarde emigrate dai loro paesi a partire dagli anni Sessanta per trovare fortuna come domestiche e bambinaie presso ricche famiglie continentali. Fra di esse anche una giovane ragazza serramannese, Cecilia, che lavorava a casa di un importante pittore romano.

Il volume permette di riflettere sul tema poco conosciuto ma di ampia diffusione dell’emigrazione femminile, che tanto ha contribuito a mutare la mentalità e la cultura dei Sardi nel dopoguerra. Inoltre consente di aprire un importante dibattito sulla realtà contemporanea, nella quale lavorare come colf e badanti costituisce ancor oggi una valida opportunità per le donne italiane e straniere.

Giacomo Mameli, originario di Perdasdefogu è una delle firme più autorevoli del giornalismo sardo. Laureato in sociologia, ha lavorato all’Unione Sarda, collabora con La Nuova Sardegna, con la Rai e con televisioni straniere e ha condotto per vent’anni programmi di approfondimento su Videolina e Sardegna 1. Per due anni (1991-1992) è stato addetto stampa del Ministero degli Esteri. Insegna Teoria e tecnica della comunicazione nelle scuole superiori, ed è docente a contratto nella facoltà di Scienze politiche dell’Università di Cagliari, (Master in Comunicazione nella pubblica amministrazione). Autore di diversi volumi tra cui La ghianda è una ciliegia, Il forno e la sirena, Sardo sono. Da molti anni è il direttore artistico del festival letterario di Perdasdefogu Settesere, Settepiazze, Settelibri.

L’Associazione invita la Cittadinanza a partecipare all’incontro e ringrazia l’Amministrazione comunale per il patrocinio e per la concessione gratuita dei locali.

Commenta via Facebook

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato